Home > Archivio Comunicati > Sospensione di operatori sanitari non vaccinati

Sospensione di operatori sanitari non vaccinati

mercoledì 11 Agosto 2021
La Direzione Generale dell’Azienda Ulss 5 polesana informa di ulteriori sospensioni per professionisti che non hanno fornito adeguate giustificazioni alla mancata vaccinazione anti COVID. Le sospensioni dall’attività lavorativa e professionale avranno valore sino al prossimo 31 dicembre 2021, ma possono essere revocate se l’operatore sanitario si vaccinerà.
“Più precisamente, per l’Azienda Ulss 5 polesana – spiega il Direttore Generale dr.ssa Patrizia Simionato - la sospensione interessa 10 operatori, appartenenti a varie categorie e servizi aziendali, che si aggiungono ai 12 la cui sospensione è già stata effettuata. Si tratta di interventi che non devono intendersi punitivi , ma rappresentano l’ applicazione di una norma nazionale, rivolta a categorie di professionisti per i quali la  vaccinazione rappresenta un obbligo  giuridico, e un dovere etico e deontologico nei confronti dei cittadini e della salute pubblica. Il vaccino infatti garantisce la sicurezza e tranquillità per chi cura e per chi è curato. Sono in fase di valutazione da parte dello Sisp aziendale (Servizio igiene e sanità pubblica), struttura dedicata a questi accertamenti, ulteriori casi di operatori anche di strutture private del territorio, la cui eventuale sospensione spetta al titolare  della struttura in qualità di datore di lavoro.
 
Ultimo aggiornamento: 11/08/2021
Categorie comunicati Coronavirus255