Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti , per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi , ed altresì per l'invio di messaggi promozionali personalizzati. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni si rinvia alla nostra Cookie Policy

   

Emergenza caldo e qualità scadente nell’aria

Rovigo e il suo territorio maglia nera oggi, martedì 25 giugno, mercoledì 26 e giovedì 27 giug

Già operativo il piano caldo varato dall’azienda Ulss 5  ,da giugno a settembre 2019, per fronteggiare il disagio fisico determinato dalle temperature elevate, specialmente nelle persone anziane e nei malati cronici.

 Subito alcuni consigli utili

  • ventilare gli ambienti domestici nelle ore più fresche della giornata, specialmente quelle del primo mattino, quando le concentrazioni di ozono sono più basse e poi chiudere gli scuri.
  • svolgere i lavori pesanti o le attività sportive nelle prime ore della giorno o in serata.
  • i soggetti a rischio trascorrano le ore più calde della giornata all'interno delle abitazioni ed evitino di svolgere qualunque attività fisica, anche moderata, all'aperto in particolare nelle ore più calde e di massima insolazione della giornata (usualmente tra le 12 e le 18).
  • tutti, evitino un'attività fisica intensa all'aperto nelle ore più calde e di massima insolazione della giornata.
  • durante il periodo estivo molti bambini essendo a casa da scuola sono impegnati in varie iniziative di tipo ricreativo, ludico, culturale : e' pertanto preferibile che le attività sportive ed i giochi di movimento vengano effettuati al mattino e che al pomeriggio si privilegino le attività in ambienti confinati.
  • Bere molta acqua naturale non fredda, preferire pasti leggeri a base di frutta e verdura, non eccedere con cibi elaborati e bevande alcoliche.

Si ricorda che il  “Piano Caldo”, coinvolge una rete di diverse strutture regionali: dagli assessorati alla Sanità e al Sociale e all’Ambiente all’Arpav, dalla Sala di Coordinamento Regionale in Emergenza-Corem al Sistema regionale della Prevenzione, dai Distretti sanitari ai Medici di Medicina Generale, dalle azioni dei Servizi Sociali territoriali ai Comuni. In particolare , L’Azienda Ulss 5 ha attivato la centrale operativa territoriale: essa verifica i bisogni segnalati dai cittadini ed attiva le risorse più appropriate in riferimento al caso specifico e usando come bussola la rete territoriale dei servizi: medico di famiglia , continuità assistenziale, assistenti sociali comunali, assistenza domiciliare 118, inserimento in struttura residenziale.

NUMERI E ORARI CENTRALE OPERATIVA

Dal lunedì al venerdì: dalle ore 8.00 alle ore 17.00

Telefono: 0425/393674- 394891-394893

Cell 3207978884

fax : 0425393634

Indirizzo e.mail cot@aulss5.veneto.it

 La centrale è attiva tutti i giorni feriali dalle ore 17.00 alle ore 8.00 del giorno successivo

Sabato e festivi: dalle ore 8.00 alle ore 8.00 del giorno successivo

“E’ un servizio che specializziamo di anno in anno - spiega il Direttore Generale Antonio Compostella - e che comprende sia iniziative di tipo prettamente sanitario, come una diversa lettura dei dispatch che arrivano ai Pronto Soccorso per valutare attentamente se la richiesta di aiuto sia legata a un disagio climatico, magari abbinato a una patologia pregressa, sia di tipo socio assistenziale con interventi dei Servizi di Assistenza Domiciliare (SAD) e di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), con la frequenza nei Centri Diurni e l’accoglienza, se necessario, nelle strutture residenziali. Non vanno poi dimenticate le persone sole e quelle che devono assumere terapie per malattie croniche e che potrebbero avere bisogno di aiuto”.

Operativamente sarà l’Arpav a emettere un bollettino quotidiano sullo stato climatico suddiviso un 4 aree (montana, pedemontana, pianeggiante-continentale e costiera). Qualora il bollettino Arpav indichi una previsione di disagio intenso prolungato, la Sala Operativa del Corem, sentito il medico reperibile, invierà in tempo reale l’avviso di allarme climatico alle strutture pronte a rispondere ai bisogni socio sanitari delle persone.

La popolazione considerata a rischio comprende gli anziani, i bambini da zero a 4 anni, i diabetici, gli ipertesi, chi soffre di malattie venose, le persone non autosufficienti, chi ha patologie renali e chi è sottoposto a trattamenti farmacologici.

Il disagio climatico verrà valutato dagli esperti sulla base dell’indice “Humidex”, che valuta temperatura e umidità e assegna tre classi di disagio (assente, debole/moderato e intenso), e della qualità dell’aria in relazione alla presenza di ozono, con tre classi di valutazione (buona/discreta, scadente, pessima).

Nell’estate 2018, le giornate con condizioni climatiche pericolose per la salute (indice humidex superiore a 40) sono state 14; quelle con disagio ambientale elevato (humidex tra 35 e 40) sono state 36; quelle con disagio moderato (humidex fra 30 e 35) sono state 33; quelle con disagio assente (humidex fino a 30) sono state 9.



Ritorna