Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti , per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi , ed altresì per l'invio di messaggi promozionali personalizzati. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni si rinvia alla nostra Cookie Policy

   

Defibrillatori alla guardia di finanza

Azienda Ulss 5 Polesana e Comando provinciale della Guardia di Finanza insieme per salvare vite

Oggi, giovedì 7 febbraio, l’Azienda sanitaria, ha donato oggi un defibrillatore che sarò utilizzato dai militari.

Circa trenta agenti sono stati formati per utilizzarlo ed effettuare il massaggio cardiaco salvavita. Il tutto per promuovere un’azione in caso di emergenza provocata da arresti cardiaci nella popolazione, con cui le Fiamme Gialle abitualmente si interfacciano sia dentro agli uffici sia in strada, quando svolgono missioni operative. Agire tempestivamente, con massaggio cardiaco e defibrillatore, infatti, è l’unico modo per salvare la vita alle persone che vengono colpite da un arresto cardiaco.

“Le forze dell’ordine sono uno snodo basilare di prevenzione, sia per il loro ruolo sia per la loro socialità con i cittadini – spiega Antonio Compostella, direttore generale dell’Ulss 5 – Abbiamo voluto donare alla Guardia di Finanza questo defibrillatore e formare i loro uomini su come agire in caso di emergenza proprio per potenziare la prevenzione e la sicurezza in caso di arresto cardiaco. “

Marco Sommacampagna, direttore Suem 118 provinciale tratteggia l’emergenza: “Agire subito  è l’unico modo per ridurre la mortalità in caso di arresto cardiaco: bisogna praticare il massaggio cardiaco, poi applicare la stimolazione elettrica tramite defibrillatore, che verrà portato dal luogo più vicino al luogo d’incidente. La Guardia di Finanza da oggi fa crescere il numero di defibrillatori in città, svolgendo un servizio per gli stessi cittadini oltre che per gli agenti in caserma”.

Dario Guarino, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Rovigo, che ha assistito alla prima lezione formativa dei suoi uomini, non nasconde l’orgoglio:  “Siamo  comunque forze dell’ordine  e frequentemente ci troviamo in situazioni di emergenza o di soccorso ai cittadini – afferma -. E’ importante quindi che i nostri uomini siano formati e sappiano come comportarsi per salvare la vita a chi è stato colpito da arresto cardiaco. Ringrazio l’Ulss 5 polesana per questa importante donazione che noi metteremo a servizio di tutto il territorio”.



Ritorna